vacanze a phuket giugno luglio agosto 2012

celebrazioni tradizionali

Festival Vegetariano a Phuket dal 15 al 23 ottobre 2012

Il festival Vegetariano di Phuket – Dal 15 al 23 ottobre

Sempre in tema “tempo libero” e vacanza in thailandia, ecco un’altra occasione per addentrarsi nell’underground culturaledel paese….

Un festival propiziatorio, che promuove la pace e la luce interiore e l’igiene, che pare porti fortuna a chi prende parte o assiste ai vari rituali.
Un’altra festività di origine cinese, che ci permette di vedere quella facciata della Thailandia legata al misticismo, alla magia e alla spiritualità, che purtroppo non emerge in prima battuta, lì dove l’approccio con l’occidente ha mutato (anche se solo in superficie) le sembianze del paese.

Mai meno di 10 giorni di durata, periodo variabile, la festa si svolge durante il nono mese lunare cinese.
Possono partecipare anche i turisti occidentali.

In questo periodo, deve essere mantenuta una dieta vegetariana o vegana, non mangiare carne, astenersi da ogni vizio, sesso, bevande alcoliche e assolutamente non uccidere animali: questo come scopo di purificazione del corpo e dello spirito.

Il pomeriggio prima dell’inizio del festival, in tutti i tempi viene alzato il Ge Teng, un’asta propiziatoria che invita gli Dei a scendere. 9 lanterne saranno appese al Ge Teng allo scoccare della mezzanotte per celebrare l’inizio della festa e come invito a prendere parte alla cerimonia
rivolto a Yok Ong Hong Tae e Kiew Ong Tai Tae, due importanti divinità.

Nei 10 giorni del festival, le cerimonie si svolgono nei templi ma anche per strada.

Un ruolo chiave nel festival lo hanno gli eletti che si dividono in prescelti e posseduti dagli dei.
Durante le cerimonie il canto Maa (Maa Song) assegna agli eletti poteri soprannaturali. Gli eletti possono chiamare a loro il dolore o il male dei partecipanti e quindi smagnetizzarlo, infliggendosi auto torture, che pare possano sopportare, solo grazie ai poteri soprannaturali ottenuti dal canto Maa.
Così facendo, garantiscono fortuna a tutta la comunità.

Tra i riti non mancano l’arrampicata nella scala con le lame o la camminata nei carboni ardenti….
Il più noto è il rito della flagellazione. Giovani eletti dall’alba entrano in stato di trance intonando una cantilena e indossando grembiuli con simboli taoisti, pronti a partire per una processione trafitti con vari oggetti in varie parti del corpo.
Pare che i posseduti non mostrino segni di dolore e non riportino danni effettivi….

Le regole da rispettare per partecipare al festival (anche per i turisti)

1. Igiene e pulizia del proprio corpo per tutta la durata del festival
2. Usare posate e attrezzatura da cucina pulita e assolutamente da non condividere con chi no partecipa al festival
3. Essere vestiti di bianco
4. Comportarsi bene, sia fisicamente che mentalmente.
5. Assolutamente no alla carne
6. Niente sesso per la durata del festival
7. Niente bevande alcoliche
8. Le persone in lutto non possono partecipare
9. Le donne in stato interessante non dovrebbero assistere ai rituali
10. Le donne con il ciclo non possono prendere parte ai rituali.

Seguirà servizio accurato.